D.P.R.n.502/98 Art.4(parziale)

Ingredienti particolari

1. Quando nella produzione del pane sono impiegati, oltre agli ingredienti di base (vedi box  iniziale), anche altri ingredienti alimentari, la denominazione di vendita deve essere completata dalla menzione dell'ingrediente utilizzato e, nel caso di più ingredienti, di quello o di quelli caratterizzanti.

2. Il pane con aggiunta di sostanze grasse deve contenere non meno del 3 per cento di materia grassa totale riferito alla sostanza secca.

3. Il pane con aggiunta di malto deve contenere non meno del 4 per cento di zuccheri riduttori, espressi in maltosio, riferiti alla sostanza secca.

4. Il pane con aggiunta di zuccheri deve contenere non meno del 2 per cento di zuccheri riduttori riferito alla sostanza secca.

5. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche al pane ottenuto mescolando sfarinati alimentari di specie diverse

6. Lo strutto commestibile, ottenuto dai tessuti adiposi del suino, è designato con la sola parola strutto.

7. Il pane di cui al comma 1, venduto allo stato sfuso, deve essere tenuto, nei locali di vendita, in scaffali separati. 5

Grissini

La legge definisce i grissini nel modo seguente:  È denominato grissino il pane a forma di bastoncino, ottenuto dalla cottura di una pasta lievitata, preparata con gli sfarinati di frumento utilizzabili nella panificazione, acqua e lievito, con o senza sale alimentare.  Alla produzione di grissini si applicano le stesse disposizioni previste per il pane. Potranno quindi essere prodotti e commercializzati grissini in tutte le tipologie già  previste per il pane e posti in vendita sia sfusi che confezionati nel rispetto delle stesse norme. 

Crackers 

La normativa definisce il prodotto nel modo seguente:  “La denominazione <crackers> è riservata ai prodotti da forno ottenuti dalla cottura rapida di uno o più impasti anche lievitati, di uno o più sfarinati di cereali,  con acqua e con l’eventuale aggiunta di sale, zuccheri, olii e grassi, malto, prodotti maltati, crusca alimentare ed altri ingredienti, nonché aromi e additivi consentiti.”  I crackers sono ottenuti per stampaggio ed il loro tenore di umidità non può essere superiore al 7% in peso del prodotto finito, con una tolleranza media del 2% in valore assoluto”.

Category: 
Ritratto di Facecook Redazione
Scritto da Facecook Redazione
La redazione di Facecook.it